Burlesque Nerd: Monique BonBon

Buongiorno a tutti, mi chiamo Monica e da quando avevo 19 anni mi esibisco sul palco col nome di Monique BonBon. Ho iniziato questa grande avventura chiamata burlesque in modo spensierato, non amavo il mio corpo e mi dissero che il burlesque aiutava tanto a livello di autostima. Cercando un po’ sul web ho trovato la mia attuale scuola, la Champagne Academy of Burlesque Education, e mi sono iscritta pensando di tenere la cosa per me e farlo per me stessa, dopo un mese però sono salita sul palco e non sono più scesa. La parte cruciale del percorso come burlesque performer è la scelta del nome e del tuo personaggio, che non è facile dato che il burlesque è un mondo ampissimo e ricco di sfaccettature. Casualmente scoprii un sottogenere che mi conquistò all’istaste: il nerdlesque. Da allora ho deciso che oltre ai grandi classici del burlesque avrei intrapreso soprattutto quella strada, con spettacoli ironici e pieni di citazioni al mondo nerd. Da lì è nato il mio primo numero burlesque che rimane tutt’ora il mio cavallo di battaglia: il Darkside of Burlesque ispiranto al mondo di Star Wars. Piano piano è nato anche il mio “sottotitolo”: Monique BonBon, la caramellina nerd e altre frasi simpatiche che uso spesso sui social come “follow the darkside, we have awensome booties” e “il big butt from the galaxy” che personalmente mi fanno sempre molto ridere e colgono in pieno lo spirito delle mie performance, simpatiche e sexy.

Dopo un annetto mi sono avvicinata a un altro mondo altrettanto affascinante, quello del fuoco. All’inizio la paura del fuoco c’è, ma svanisce appena capisci che se lo tratti con cautela e rispetto non ti farai del male. Ora che sta tornando il caldo sto ricominciando ad allenarmi e presto girerò un nuovo video promo, spero di migliorare sempre di più anche in questa attività e magari di legarla al burlesque.

Attualmente sto lavorando a parecchi numeri sia nerd che non, ma cerco sempre di mettere qualche easter egg anche nei numeri meno a tema, per esempio ho preparato un numero fetish e per l’intro ho utilizzato il carillon di FNAF. Il numero su cui mi sto concentrando di più in questo momento è sicuramente quello di Cala Maria, mi è piaciuto subito questo personaggio e si presta benissimo al mondo del burlesque. Alla fine i numeri nascono così, dal nulla, sento una canzone o vedo un personaggio da cui trarre ispirazione e subito viene l’idea, oppure vedo un costume che mi colpisce particolarmente, come è successo coi numeri di Biancaneve e di Jack Skellington a cui sto lavorando. Purtroppo è un hobby parecchio costoso, e se come me si cerca di farlo diventare una professione ancora di più, infatti ho aperto un profilo ko-fi in modo che chiunque voglia sostenermi possa farlo in modo pratico e veloce, oppure vendo stampe e foto su tela dei miei numerosi shooting, chissà che davvero riesca a spiccare il volo in questo mondo.

Devo ammettere che il burlesque mi ha aiutata tantissimo, mi ha fatta diventare quella che sono adesso. Fino a 3 anni fa non avevo mai indossato una gonna in vita mia, ora se non metto in mostra le curve non sono contenta. Ho imparato ad amare quello che sono, pregi e difetti e rendere questi ultimi dei punti di forza, ora se qualcuno mi prende in giro sul peso sono solita ridere in faccia. Proprio l’anno scorso su un gruppo cosplay molto frequentato postai una mia foto di Super Pochaco bikini per procacciare le foto perdute del Rimini Comix e si scatenò un flame allucinante con annesso commento “di che stai facendo il cosplay, dell’omino della michelin?”. La vecchia me avrebbe eliminato il post e sarebbe stata in un angolino a piangere rinunciando sia al cosplay che al burlesque, ho capito di essere cambiata quando mi misi a ridere provando pena per questa persona. La parte migliore della mia attività è quella di ispirare altre persone, di promuovere il body positive in ogni forma e contrastare il bullismo che si vede ormai ovunque soprattutto sui social, perché se si impara ad amare sé stessi si può sconfiggere qualunque cosa.

Ho anche intenzione di aprire un canale youtube che parla di burlesque, non voglio dirvi però i temi che tratterò perchè voglio che sia una sorpresa, sicuramente se deciderete di seguirmi su facebook e instagram scoprirete tutto quanto. L’idea è nata perché in effetti questo mondo è davvero poco conosciuto e pieno di pregiudizi molto spesso errati, la mia idea è quella di far percepire questo mondo per quello che è, un luogo sicuro e divertente dove ogni persona è speciale e unica e può mostrare la propria unicità senza pregiudizi. Spero davvero che questo breve testo possa essere di ispirazione per qualcuno e che faccia nascere l’interesse per questo mondo come è stato per me, ho avuto come molti un passato difficile e ho trovato un gancio a cui aggrapparmi per risalire e imparare finalmente a volermi bene. Vorrei che tutti riuscissero a intraprendere un percorso come il mio e che trovino una vera passione a cui dedicarsi per essere davvero felici.

https://www.facebook.com/moniquebonbon/

https://www.instagram.com/monique_bonbon/

https://ko-fi.com/moniquebonbon

Gianluca Falletta

About Gianluca Falletta

Gianluca Falletta, presidente di Satyrnet, è considerato "il papà del Cosplay Italiano". Come una delle prime realtà che hanno promosso il fenomeno made in Japan, Satyrnet, in oltre 15 anni di attività ha creato, realizzato e prodotto alcune delle più importanti manifestazioni di settore. Il portale www.satyrnet.it e la sua vastassima community online sono tutt'ora uno dei punti di riferimento per gli appassionati. Gianluca Falletta ha partecipato alla produzione del Festival del Fumetto di Romics, RomaComics & Games, Gaming e Cartoon Days e ora collabora con i principali festival italiani quali LuccaComics & Games, Milano Cartoomics e Napoli Comicon. Dopo "l'apprendistato" presso Filmmaster Events, una delle più importanti agenzie di eventi al mondo, Gianluca si occupa di creare ride e parchi di divertimento a livello internazionale e ha participato allo start-up dei nuovissimi parchi italiani Cinecittà World e Luneur Park cercando di unire i concetti di narrazione, creatività con l'esigenza di offrire entertainment per il pubblico.

View all posts by Gianluca Falletta →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *