Il destino dell’equipaggio della Corvetta Hammerhead

imssssmagine2

Uno dei tanti momenti di libidine di Rogue One: A Star Wars Story è stato sicuramente l’uso della Corvetta Hammerhead per fare in modo che gli Star Destroyers si colpissero a vicenda e andassero a distruggere lo scudo di energia della base di Scarif. Recentemente abbiamo scoperto il nesso tra Star Wars Rebels e Rogue One, ora invece abbiamo acquisito nuove informazioni sulla fine dell’equipaggio della Hammerhead.

Anthony Breznican, di Entertainment Weekly, ha parlato con John Knoll, produttore esecutivo e capo dell’ufficio creativo della Industrial Light and Magic, di alcuni aspetti di Rogue One e del mistero che aleggiava su questa scena. Knoll ha rivelato che il destino di questo equipaggio è stato oggetto di discussione durante la fase di produzione del film: “Dovevamo parlare di questa cosa, “Hey, ma questa è una missione suicida? Tutto l’equipaggio ribelle è caduto assieme agli Star Destroyer?”, ho iniziato a elaborare quest’idea che in una delle riprese delle due navi imperiali si sarebbero potuti intravedere i gusci di salvataggio partire dalla Hammerhead. Abbiamo creato l’animazione ma, Gareth Edwards, ha pensato potesse essere un elemento di distrazione, così l’abbiamo eliminata.”

Knoll e il suo gruppo di animatori non si sono lasciati scoraggiare da questa scelta e hanno torvatoun modo di salvare l’equipaggio: “Nell’ultima ripresa ci sonoi due Star Destroyer che si infrangono sulla piattaforma distruggendo lo scudo di energia – è un particolare molto sottile ed è difficile da credere – ma i gusci di salvataggio sono partiti dalla Hammerhead. La storia dell’equipaggio che si riesce a salvare è stata una mia idea.” Potetetrovare l’intervitsta completa qui su EW, che include anche l’idea di John Knoll su dove quei gusci di salvataggio siano finiti.

Fonte: starwarsunderworld.com

di Andrea Bottazzi

tratto e continua la navigazione stellare su 

About Gianluca Falletta

Gianluca Falletta, presidente di Satyrnet, è considerato "il papà del Cosplay Italiano". Come una delle prime realtà che hanno promosso il fenomeno made in Japan, Satyrnet, in oltre 15 anni di attività ha creato, realizzato e prodotto alcune delle più importanti manifestazioni di settore. Il portale www.satyrnet.it e la sua vastassima community online sono tutt'ora uno dei punti di riferimento per gli appassionati. Gianluca Falletta ha partecipato alla produzione del Festival del Fumetto di Romics, RomaComics & Games, Gaming e Cartoon Days e ora collabora con i principali festival italiani quali LuccaComics & Games, Milano Cartoomics e Napoli Comicon. Dopo "l'apprendistato" presso Filmmaster Events, una delle più importanti agenzie di eventi al mondo, Gianluca si occupa di creare ride e parchi di divertimento a livello internazionale e ha participato allo start-up dei nuovissimi parchi italiani Cinecittà World e Luneur Park cercando di unire i concetti di narrazione, creatività con l'esigenza di offrire entertainment per il pubblico.

View all posts by Gianluca Falletta →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *