Domhnall Gleeson parla del soffocamento di Darth Vader

Uno dei gesti di “costrizione” più famoso, facente parte delle manifestazioni dei poteri di Darth Vader è senza dubbio la capacità di soffocare le persone a distanza,come se stesse appunto per strangolarle. Già nel 1977 il pubblico ha potuto vedere Vader all’opera nei confronti dell’Ammiraglio Motti, durante un meeting con il Grand Moff Tarkin sulla Morte Nera, il tutto come naturale risposta a una frase irrispettosa . Di recente, abbiamo rivisto la stessa pratica, sebbene più breve, nei confronti del direttore Orson Krennic in Rogue One: A Star Wars Story.

Come da insegnamento del nonno, in Star Wars: Gli Ultimi Jedi vediamo  Kylo Ren, degno successore, o aspirante tale, tentare di imitare la pratica dello strangolamento, ai danni del Generale Hux.
Domhnall Gleeson, rivela che la scena non è stata particolarmente facile da girare, anche perché l’attore non aveva inizialmente molto chiaro quale genere di tortura dovesse fisicamente avvertire il Generale:

È buffo perché non sai bene cosa fare in una situazione del genere. Non sai se devi avvertire la presenza di una mano sul collo o una semplice compressione. Cerchi di bloccare la mano che senti addosso oppure cerchi in qualche modo sollievo nel collo? Non è sempre molto chiaro se stai tentando di respirare o di liberarti da una stretta! Alla fine ho deciso da solo: non senti una mano che ti stringe ma avverti semplicemente la tua gola che si chiude.

Il soffocamento era una tecnica offensiva Sith che utilizzava la Forza per applicare una notevole pressione su una parte del corpo del bersaglio. I Sith usavano questo attacco per punire, minacciare o spaventare i loro bersagli, senza voler causare la loro morte: in genere colpivano il collo e occorreva un uso prolungato della tecnica per provocare danni gravi. Darth Fener era famoso per l’uso di questo attacco contro subordinati negligenti o inaffidabili: il signore oscuro aveva affinato la sua abilità a tal punto che era in grado di usarla a grande distanza, come dimostrato dalla morte dell’ammiraglio Kendal Ozzel. [Jawapedia]

About Maria Merola

Laureata in Beni Culturali, lavora nel campo del marketing e degli eventi. Ama Star Wars, il cosplay etutto ciò che riguarda il mondo del fantastico, come rifugio dalla realtà quotidiana. In particolare è l'autrice del blog "La Terra in Mezzo" dedicato ai miti e alle leggende del suo Molise.

View all posts by Maria Merola →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *