Episodio V – The Empire Strikes Back

Star Wars Episodio V: L’Impero colpisce ancora (The Empire Strikes Back) è un film del 1980 diretto da Irvin Kershner. La sceneggiatura nasce da un’idea di George Lucas. Si tratta del secondo film della saga Star Wars.  A causa di una difficile e lunga produzione, “L’Impero Colpisce Ancora” fu completato nel 1980. Ricevette diverse critiche nonostante poi sia diventato uno dei film più amati della saga e una tra le pellicole più popolari nella storia del cinema. Il film ha incassato 538 milioni di dollari.

A tre anni dalla distruzione della Morte Nera durante la battaglia di Yavin, la base ribelle viene trasferita sul pianeta ghiacciato di Hoth. Ma l’Impero, tramite robot sonda, trova la base e organizza un attacco comandato da Darth Vader in persona. Il Signore dei Sith durante la battaglia di Yavin aveva percepito la Forza scorrere nel giovane Luke Skywalker e vuole dunque di trarlo a se. Mentre sul pianeta la battaglia infuria, Luke ha una visione del suo mentore Obi-“Wan che gli dice di recarsi ad Dagobah, pianeta del suo maestro Yoda per completare l’istruzione Jedi. I ribelli si ritirano e scappano dal pianeta. Luke intraprende il suo viaggio verso il suo destino mentre Han Solo, la principessa Leia Organa, Chewbacca e i droidi C1P8 e D3-B0 (R2D2 e C-3PO), sul Millenium Falcon, si traggono in salvo proprio nell’ultimo minuto. Darth Vader organizza una battuta di caccia per trovare i ribelli, convoncando a sè i migliori cacciatori di taglie, tra i quali il mitico Boba Feet.

Luke perde la sua nave all’arrivo sul pianeta paludoso di Dagobah, ma riesce a conoscere Yoda e intraprendere il suo inter Jedi. Intano tra Han e Leia, braccati dall’impero, nasce una storia d’amore. Luke è demotivato nel suo apprendistato, ha paura ed ha una visione: riesce ad uccidere Darth Vader, ma dietro la sua oscura maschera vede se stesso. Anche Yoda pensa che Luke non potrà sopportare l’allenamento, visto che non riesce neanche a trarre fuori la sua nave dalle paludi del pianeta. Il Millenium Falcon, dopo molte peripezie, per scappare all’Impero si rifugia nel pianeta Bespin di Lando Calrissian, vecchio amico di Han. Ma nella città di Lando, Cloud City, na brutta sorpresa attende i nostri eroi.

Dal pianeta di Yoda, Luke avverte il pericolo per i suoi amici e parte per salvarli, nonostante il suo maestro glielo vieti sostanendo che non è ancora pronto per sostenere uno scontro con Vader. Infatti a Cloud City, Darth Vader, aveva organizzato una trappola per Luke, catturando i suoi compagni, lo avrebbe poi affrontato e congelato in una macchina apposita. Il Signore Oscuro dei Sith, catturati i nostri eroi, testa la macchina di congelamento su Han Solo, imprigionandolo nela grafite e donandolo a Boba Feet. Mentre Luke arriva sul pianeta, Lando, sentendosi in colpa, salva Leia e gli altri portandoli sul Millenium Falcon, che poi era la sua vecchia nave. Luke affronta Darth Vader in un epico scontro, scoprendo che in realtà lo stesso Vader non è l’assasino di suo padre, ma in realtà è suo padre stesso. Vader propone al figlio di unirsi a lui per governare la galassia assieme. Ma vedendo le reticenze del giovane, il jedi oscuro continua lo scontro tagliando di netto la mano al figlio.Sconvolto e mutilato, Luke tenta la fuga in un condotto d’areazione e viene tratto in salvo dal Millenium Falcon che si dirige verso la flotta ribelle mentre Han, ancora congelato viene portato da Boba Feet da Jabba the Hutt, un boss malavitoso di Tatooine che odiava il giovane contrabbandiere.

StarWars

About StarWars

Starwars.it è un sito tributo a Star Wars, NON è il sito ufficiale della saga, raggiungibile ai seguenti url: StarWars.com o in italiano Disnet.it/StarWars e non è in alcun modo collegato alla LucasFilm LTD o alla The Walt Disney Company e a nessuna delle loro licenziatarie. Starwars.it è un sito "fan" gestito dall'Associazione Culturale Satyrnet. E' vietata la riproduzione senza consenso dei contenuti. Copyright © 2017 Satyrnet - All Rights Reserved.

View all posts by StarWars →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *