“Han Solo Stars End” Han Solo, guerriero stellare

Manca poco all’uscita del nuovo film Disney dedicato alla The Star Wars Story, più precisamente al film dedicato a un personaggio affascinate quanto controverso nella storia di Star Wars: Han Solo.  Affascinate, in quanto la sua figura di contrabbandiere che sfida le regole e le leggi per seguire il suo istinto avventuroso, e che alla fine si lascia tutto alle spalle per abbracciare una causa che all’inizio sembra persa, in nome di un amicizia e di un amore ricambiato da una principessa, nato dalla battaglia; e controverso, perché nella prima versione del film Star Wars, Han Solo per sfuggire da Greedo, tirapiedi di Jabba the Hutt, spara per primo, mentre come si è visto nella versione rimasterizzata del film, è stato aggiunto un colpo da parte di Greedo come se Han avesse sparato per legittima difesa, spaccando così i fan in due fazioni, chi voleva Han leale e chi invece piaceva la figura del fuorilegge spaziale.

Nel film che deve uscire si narra la giovinezza di Han Solo, prima dei fatti di Yavin 4, e ci racconterà chi era e cosa faceva prima di diventare il “Solo” che oggi conosciamo. Però questo film non è il primo che parla di Han Solo. Prima degli eventi di Star Wars The New Hope, parte del passato di Han Solo ci viene svelato anche in un libro uscito decenni fa anche qui in Italia,“Han Solo Stars End” tradotto in “Han Solo Guerriero Stellare”.

Questo libro che ho trovato nella libreria del mio collega/compagno Talparius e che mi ha consigliata vivamente di leggere, cosa che ho fatto e di cui non mi pento, era stato editato da Urania, collana di libri della casa editrice Mondadori interamente dedicata alla fantascienza, questa edizione è del 1980, l’autore è Brian Daley che creò una trilogia  dedicata ad Han Solo intitolata “Han Solo Adventures”  però qui da noi venne solo editato uno dei libri Han Solo Stars End appunto e gli altri due sono tutt’ora inediti qui in Italia, mentre invece negli Stati Uniti oltre a essere uscita tutta la trilogia di libri, visto il successo, ne è divenuta anche una serie a fumetti facente parte dell’Universo Espanso di Star Wars.

La storia è ambientata prima della battaglia di Yavin contro la Prima Death Star, circa due anni prima che Han Solo incontrasse in una taverna di Mos Eisley su Tatooine, il Maestro Jedi Obi-Wan Kenobi e il futuro eroe della galassia Luke Skywalker. Il tutto si svolge in un lontano settore della galassia, uno dei pochi fuori dal controllo dell’Impero Galattico di Palpatine, questo settore viene chiamato “Settore Collegato” e la massima autorità che governa all’interno di questo settore è un’organizzazione criminale che si è autodefinita Autorità. Tale organizzazione grazie alle sue risorse, ha preso il possesso di tutti i mondi del “Sistema Collegato”. Questi mondi per la maggior parte sono completamente privi di forme di vita senzienti, ma in compenso sono ricchissimi di risorse naturali e minerali.  Con la promessa di una facile ricchezza vista la vastità di tale settore e dell’abbondanza di materie prime, in molti sono venuti dai vari angoli della galassia, specie senzienti provenienti da pianeti privi di risorse, reietti, diseredati, o semplici coloni, che si sono diretti nel “Settore Collegato” per fare fortuna, avere una vita migliore o semplicemente ricominciare da capo e avere una seconda possibilità. Però, per colpa dell’Autorità, essi vivono quasi alla stregua di schiavi sotto il loro giogo, e anche se in molti cercano di ribellarsi, quello che manca non è il coraggio, ma le armi e altre risorse per contrastare l’Autorità; ed è qui che entra in gioco il nostro eroe, infatti Han Solo insieme al suo copilota e amico Chewie il gigantesco Wookiee, a bordo del Millenium Falcon, prendono l’occasione al volo e iniziano a contrabbandare all’interno del “Settore Collegato” armi e altri generi, ai ribelli e ai lavoratori del sistema stesso, facendola in barba all’Autorità. Per un bel periodo sembra che gli affari per i due contrabbandieri vadano benissimo, tanto che per Han sembra la volta buona per poter finalmente saldare i vari debiti che lui e Chewie hanno lasciato in giro per la galassia, finché un giorno una vecchia conoscenza proveniente dal passato di Han Solo, non gli chiede un aiuto per un impresa pericolosa in ricordo dei vecchi tempi e anche di un facile e favoloso guadagno, da quel momento in poi per Han Solo e Chewie i guai non mancheranno e nemmeno nuovi e potenti nemici per i due contrabbandieri, che tra scontri stellari e colpi di blaster, cercheranno non solo di guadagnare un buon bottino ma anche di portare sana e salva la pelle.

Un romanzo molto carino e ricco di colpi di scena, non eccelso come altri romanzi di fantascienza, ma in certi momenti la lettura vi trascinerà fino a scoprire come si svolge un certo evento e in altri casi vi strapperà un largo sorriso, consigliato per chi ama il personaggio  Han shoots first (Han spara per primo) invece dell’Han corretto, però questo libro era stato scritto in un momento in cui il “politicamente corretto” non esisteva ancora e si poteva scrivere e disegnare ogni cosa, in quanto tutte queste avventure erano frutto di pura e semplice fantasia. Una nota non negativa, ma direi comica è l’adattamento e la traduzione di alcune cose, infatti non spaventatevi se nel leggere il romanzo troverete Raggio Trattore invece di Traente e invece di Millennium Falcon leggerete Falcone Millenario o semplicemente Falcone, dopotutto erano altri tempi; se avete la fortuna di trovarlo in qualche libreria o bancarella di libri usati, se siete dei veri appassionati di Star Wars senza pregiudizio, vi consiglio di prenderlo in quanto è una bella lettura veloce e divertente.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *