La recensione de “Gli Ultimi Jedi”

Se il Risveglio della Forza ha diviso il fandom ed è stato criticato per essere troppo audace, episodio 8 lo è fin troppo e ha spaccato in due il fans ancora di più. Io devo dire che a me è piaciuto un sacco. Lo ritengo uno dei migliori.

Il film inizia con il primo ordine che arriva alla base della Resistenza e dopo che è stata evacuata la distruggono. La prima scena è di una comicità evitabile. Poe Dameron fa un mama joke al generale hux per prendere tempo, arriva una dreadnought del primo ordine e pure i bombardieri della resistenza che vengono distrutti tutti tranne uno che fa esplodere la corazzata. La resistenza scappa nell’iperspazio. Finn si sveglia dal coma e chiede dov’è Rey, si sposta la scena sulla ragazza che dà la spada a Luke che però la butta via. Rey lo insegue per giorni ma Luke va sempre via. Un giorno entra con chewbe nella casetta di Luke, ma l’ultimo Jedi vedendolo senza han capisce che è morto. Continua ad evitare la ragazza fino a quando Rey entra in un albero della Forza dove sono nascosti i sacri testi dei jedi e le chiede chi è lei e perché è lì.

Rey dà risposte vaghe e Luke le dice che ha bisogno di un maestro e che lui non può esserlo perché è tempo che i Jedi scompaiano. Finn vuole scappare ma viene fermato da Rose. Arriva la supremacy di Snoke che riesce a tracciarli nell’iperspazio, quindi rose e Finn vanno da un maestro apricodici nel casino di canto bight. Leia è in fin di vita perché dopo che la sua nave è stata colpita c’è stata la scena più brutta del film: lei che vola con la forza nello spazio come Superman. Quindi è salita al comando Holdo, che poe non vede di buon occhio quindi manda via di nascosto Finn. Luke medita e sente la voce di Leia, ci ripensa, sveglia Rey e le dice che all’alba inizieranno la prima lezione di tre. Luke la fa entrare in sintonia con la forza, Rey comincia ad avere conversazioni a distanza con Ben Solo e Luke li scopre quando i due si toccano la mano.

Rey dice che Ben è la loro ultima speranza e va da lui. Luke ha una conversazione con il maestro yoda che gli spiega come abbia sbagliato a nascondersi perché il fallimento è il più grande maestro. Finn e rose vengono imprigionati per divieto di sosta, ma per puro caso incontrano un altro maestro apri-codici, scappano e vanno nella nave di Snoke. Dove arrivano al punto per disattivare tutto ma vengono fermati e catturati da Phasma. Poe si rivolta a Holdo ma viene stordito da una risvegliata Leia che fa andare tutti su dei trasporti che il primo ordine non controlla per andare su Crait. Dj però tradisce Finn e in cambio di soldi dice al primo ordine del piano della resistenza. Snoke ordina a Kylo ren di uccidere Rey, che intanto è stata portata al suo cospetto. Kylo Ren sembra che sta per ucciderla ma invece tradisce Snoke e lo ammazza. Bellissimo il combattimento di loro due contro le guardie pretoriane.

Kylo Ren vuole che Rey si converta e le dice che i suoi genitori non erano nessuno. Rey vuole invece che a convertirsi sia lui. Bella scena con tre momenti sincronizzati. Finn e rose che stanno per essere giustiziati. Holdo che capisce il tradimento e con un salto nell’iperspazio distrugge la supremacy e kylo ren e Rey che si contendono la spada di Rey e la spaccano in due. Al risveglio kylo ren si autoproclama leader supremo. Finn combatte con Phasma e la uccide. Si sposta tutto su Crait dove il primo ordine arriva con diversi at m6 e un’arma per distruggere la porta dove si nasconde la resistenza che invia dei messaggi di aiuto agli alleati ma non risponde nessuno. Arriva però Luke che parla per l’ultima volta con Leia e decide di affrontare il primo ordine da solo. Il leader supremo fa puntare tutto il fuoco su Luke ma neanche un graffio quindi sceglie di scendere direttamente lui.

Poe capisce che Luke gli sta facendo prendere tempo e scappa ma trova delle rocce che Rey con la forza sposta per far scappare la resistenza. Kylo Ren e Luke iniziano a combattere ma non lo colpisce fino a quando non lo trafigge. Ma c’è un colpo di scena: quella di Luke è solo una proiezione, non è veramente lì e questo gli costa la vita. Quando kylo ren lo capisce è troppo tardi e la resistenza è già scappata.

Ho letto veramente troppe critiche a Rian Johnson che dal mio punto di vista ha realizzato un vero e proprio gioiellino.

About Damiano Lollobrigida

Mi chiamo Damiano Lollobrigida, sono nato il 23 Maggio 2000 ed abito a Spinaceto, a Roma Sud. Ho frequentato il liceo scientifico Ettore Majorana per 4 anni. Sono sempre stato un appassionato di guerre stellari, ma il mio amore per la saga è scoppiato definitivamente nel 2015 dopo aver visto Il Risveglio della Forza. In ambito nerd ho scritto articoli per guerrestellari.net, nel restante tempo libero praticavo invece basket, ma essendomi ora fisicamente impossibile ho smesso, ormai definitivamente da gennaio 2019.

View all posts by Damiano Lollobrigida →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *