Star Wars.it

Menu

R2-D2 sulle navi della marina americana

Un progetto che avrà un tempo di realizzazione di 18 mesi quello che porterà le navi statunitensi a dotarsi di una nuova arma: delle torrette laser molto simili al famoso robot di Guerre Stellari R2-D2 (in Italia C1-p8). Questa nuova arma non avrà scopo di offesa, ma grazie alla rapidità di azione e all’estrema precisione sarà la contromisura ideale per fermare i missili diretti contro la nave sulla quale sono installati. La ditta che svilupperà il progetto è la Northrop Grumman su commissione dell’Office of Naval Research.

La commessa da 98 milioni di dollari porterà alla realizzazione in 18 mesi di un prototipo funzionante. L’arma sfrutterà le attuali montature Phalanx, già attualmente in uso sulle navi USA e soprannominate “R2-D2”. L’arma sarà così in grado di ruotare con una libertà tale da poter fare fuoco contro pericoli in avvicinamento quali missili, imbarcazioni ed eventuali, ma più improbabili, navette spaziali dell’Impero.

Queste armi risolverebbero anche l’inconveniente rappresentato dalle munizioni: il laser infatti sfrutterebbe direttamente le risorse elettriche della nave su cui è installato, senza necessità di essere ricaricato manualmente e senza portarsi dietro i problemi di stoccaggio delle munizioni. La compagnia sviluppatrice assicura comunque che le navi attualmente in forza alla marina statunitense sono più che equipaggiate per supportare le torrette “spaziali”.

Categories:   Curiosità

Comments